È illegale comprare bitcoin, Bitcoin: la moneta virtuale è legale?


Richiedi la consulenza gratuita 1.

è illegale comprare bitcoin agra btc private college

Tra le più significative applicazioni della tecnologia digitale al settore finanziario, spicca la nascita e la diffusione delle criptovalute o valute virtualila più nota delle quali è il bitcoin, cioè una moneta virtuale — non stampata come la normale banconota — creata, distribuita e scambiata in maniera completamente virtuale, attraverso una modalità chiamata peer to peer.

Ad oggi, nonostante le modalità di utilizzo dei bitcoins siano al quanto chiare, il tema, per certi versi, risulta ancora troppo delicato, complesso, e controverso.

è illegale comprare bitcoin bitcoin trading on margin

Proviamo, in tal sede, a darvi una risposta, quanto più completa possibile. Il bitcoin è legale? In altri termini, ci sono molti Paesi con diverse normative sulle criptovalute, alcuni dei quali hanno previsto che il bitcoin possa essere usato come denaro per pagare tasse, acquistare beni o scambiarlo come una merce.

è illegale comprare bitcoin btc cut off list

Bitcoin e criptovalute sono generalmente accolti in gran parte del mondo. Tuttavia, in alcuni Paesi è stato vietato il loro utilizzo. Ad esempio, in Cina i bitcoins possono essere scambiati solo tra privati, mentre è severamente vietato il loro utilizzo da parte delle banche.

è illegale comprare bitcoin generatore di trading btc 2021 key

Come comportarsi con il fisco? Si chiarisca fin da subito che i bitcoins devono essere considerati alla stregua della valuta estera.

è illegale comprare bitcoin btc cut off list

Dunque, sebbene non ci sia la specifica necessità di dichiarare quanti se ne posseggono, bisognerà invece dichiarare tutte le operazioni effettuate su di essi… e questo vale a prescindere dalla criptovaluta utilizzata.

Pertanto, dal punto di vista fiscale, usare bitcoins è esattamente come usare una è illegale comprare bitcoin moneta in corso legale: sarà possibile incassare bitcoins e scegliere di conservarli su un proprio wallet; ma, qualora si decidesse di venderli, sulle plusvalenze ricavate dalla vendita bisognerà pagarci le tasse.

Bisogna pagare le tasse sui bitcoin? Tassazione Bitcoin per le imprese Cominciamo con il dire che per le imprese i Bitcoin vanno considerati alla stregua di valuta estera. E questo vale per qualsiasi criptovaluta si utilizzi. Pertanto dal punto di vista fiscale per le aziende usare Bitcoin è esattamente come usare Euro o Dollari: dal punto di vista fiscale, burocratico o amministrativo non cambia assolutamente nulla. Quindi anche qualora l'impresa incassasse Bitcoin e scegliesse di conservarli su un proprio walletse in futuro dovesse venderli e ricavarne una plusvalenza dovrebbe pagarci le tasse.

Dunque, le plusvalenze sono tassate e dovranno essere pagate solo al momento in cui vengono rilevate: e, quindi, solo nel momento profitto bitcoin holly willoughby cui vi sarà la vendita dei bitcoins. Come si determinano le plusvalenze? Attraverso il calcolo, in euro, del controvalore della moneta virtuale ceduta, sottraendo il costo di acquisto della stessa. Per questo motivo, molte persone diffidano di un sistema privo di fiducia, preferendo, invece, i sistemi tradizionali.

In realtà, in conseguenza della digitalizzazione sempre più spinta, i bitcoins — e le criptovalute in generale — possono diventare, insieme alla moneta elettronica, un è illegale comprare bitcoin di pagamento alternativo e sicuro.

Ma, come sempre, attenzione ad operare secondo la legge!

Sviluppi di mercato e regolazione[ modifica modifica wikitesto ] Alcuni commentatori sollevano dubbi sulla reale possibilità btc wireless di bloccare gli scambi anonimi in criptovalute su Internet. Le restrizioni sarebbero motivate dall'attività delle organizzazioni criminali e terroristiche negli scambi anonimi e criptati, dal rischio dei numerosi e piccoli risparmiatori che acquistano criptovalute come bene rifugio oppure per guadagnare sulle variazioni di prezzo, dall'instabilità creata dai pochi grandi investitori in Borsa. I provvedimenti variano dalla strada dell'autoregolamentazione di settore con la creazione di registri nazionali degli operatori autorizzati, alla sospensione dei titoli in Borsa, divieto di transazioni anonime riservandole a chi ha un conto corrente bancario autenticato, al blocco delle carte di credito.